Crea sito

LIDL investe 2,9 milioni di euro e apre il suo primo store a Linares in Andalusia

theretailchain-journal by Retailtrend.it (12 novembre 2020)LIDL ha aperto oggi il suo punto di vendita a Linares, dopo aver investito circa 2,9 milioni di euro per le opere di costruzione e di allestimento.

E’ il primo centro commerciale, che l’insegna ha inaugurato nella provincia di Jaén, su 2 piani (un piano terra dedicato a parcheggio da 80 posti auto e un piano superiore dedicato all’area di vendita e altri servizi, per una superficie di circa 1.350 metri quadrati). Darà lavoro a 33 addetti, di cui 22 neo-assunti.

L’inaugurazione è avvenuta alla presenza delle autorità locali (Àngeles Isac vicesindaco e portavoce governativo, Noelia Justicia assessore all’economia e alle finanze, Javier Hernández assessore all’ambiente e alla pianificazione del territorio) e del direttore regionale LIDL in Andalusia, Jesùs Toro.

LIDL sta accelerando il suo impegno di crescita nella provincia di Jaén, dove conta già 8 punti di vendita e genera lavoro per più di 1.000 posti di lavoro, tra diretti, indiretti e indotto (0,49% del totale) contribuendo per oltre 51 milioni di euro all’anno al PIL (0,48% del totale), secondo i dati di PwC.

Rafforza così anche la sua presenza in Andalusia, con una rete di oltre 120 punti di vendita e più di 2.700 addetti diretti. LIDL è sicuramente una delle aziende, che sta contribuendo alla generazione di ricchezza e occupazione in questa comunità. Grazie alla sua attività, la filiera genera un impatto sul PIL della regione di oltre 1.280 milioni di euro all’anno (0,85% del totale) e contribuisce con oltre 27.400 posti di lavoro all’anno tra diretti, indiretti e indotto (0,87% del totale).

L’insegna acquista regolarmente da circa 80 aziende agroalimentari in Andalusia. Ha nel suo assortimento più di oltre 400 prodotti regionali e promuove il consumo di prodotti locali nei suoi store con lo slogan “#LIDLVIVEELSUR” per contribuire al sostegno dei piccoli produttori.

Nell’ultimo anno, LIDL ha aumentato gli acquisti di prodotti andalusi, in particolare frutta e verdura, raggiungendo quasi 1.250 milioni di euro, diventando così il cliente numero uno degli ortaggi dell’Andalusia. Inoltre, la catena distributiva, ha esportato oltre l’85% di prodotti della regione, all’interno della sua rete di 11.200 punti di vendita in 32 paesi, contribuendo anche all’internazionalizzazione del prodotto locale.