Il gruppo Carrefour in crescita del +2,1% nel terzo trimestre 2018

redazione retailchain by Retailtrend.it – Secondo quanto comunicato dal gruppo Carrefour, nel terzo trimestre 2018, c’è stata un’accelerazione, nella crescita delle vendite like-for-like, che si è attestata su un buon +2,1% contro lo 0,7% registrato in H1.  La crescita, in particolar modo, è stata registrata in Francia (+1,6%) e in Brasile (+5,1%). I fattori chiave che hanno trainato questi dati positivi, per il gruppo francese, si riflettono su:

  • Un migliore slancio ottenuto sul mercato della Francia, che è stato guidato da un miglioramento delle prestazioni commerciali di tutti i format di insegna e da migliori tendenze del mercato interno, che hanno maggiormente motivato gli acquisti dei consumatori francesi.
  • Una forte crescita delle vendite in Brasile, con una decisiva accelerazione, che è stata sicuramente supportata dal miglioramento delle prestazioni commerciali e del ritorno ad una leggera inflazione del mercato alimentare. Una parte importante in tutto questo, deriva anche dal fatto che Atacadão, guida la crescita del mercato brasiliano.
  • Un incremento delle vendite online di prodotti alimentari, che hanno superato il 30%.

Nuovi progressi per il piano “Carrefour 2022”

  • Roll-out dell’offerta omnichannel; apertura di nuovi drive con drive pedonali; estensione dell’offerta di consegna a domicilio; proseguimento del lancio di singoli entry-point con siti web.
  • Accelerazione del rinnovamento della proposta commerciale sul punto di vendita con investimenti commerciali continuati; accelerazione del piano di riduzione dell’area di vendita negli ipermercati; lancio dei Darty-shop-in-shop in fase sperimentale in Francia.
  • Ritmo abbastanza sostenuto per la crescita sul mercato di nuovi formats: più di 300 nuove aperture di convenience store e 14 nuove aperture Atacadão in Brasile negli ultimi nove mesi.
  • Implementazione delle alleanze di acquisto con Système U e Tesco.
  • Progressi significativi nella trasformazione dell’organizzazione del gruppo: uscita degli ex negozi DIA dal perimetro del gruppo a fine luglio; trasferimento di 5 ipermercati a contratti di gestione leasing in Francia a settembre; chiusura del piano di dimissioni volontarie, che copre 2400 posizioni presso la sede centrale in Francia.
  • Ulteriori iniziative in termini di ottimizzazione della produttività e riduzione dei costi; progressi significativi in termini di selettività e produttività degli investimenti, che consentiranno al gruppo Carrefour di attuare il proprio programma di investimento pur contenendo capex, stimato tra 1,7 e 1,8 miliardi di euro nel 2018.
  • Azioni concrete per promuovere la transizione alimentare per tutti: il successo della campagna internazionale Act for Food; acquisizione della catena SoBio specializzata in prodotti biologici.
  • Il continuo rinnovamento della proposta commerciale omnichannel e della disciplina finanziaria, in linea con il piano di trasformazione Carrefour 2022. Rafforzare il potenziale di crescita del gruppo e la generazione di Free Cash Flow.

Il mercato Italia

E’ prevista la riduzione del 45% dell’area di vendita di un ipermercato e la chiusura di un’altra unità commerciale nel terzo trimestre.

Per quanto riguarda le vendite, il mercato Italia (-4,4% LFL) ha mostrato una leggera flessione rispetto al primo semestre (H1: -3,6 LFL), in rallentamento il calo del mercato nel terzo trimestre. All’inizio di ottobre è stato nominato un nuovo CEO, la sua missione sarà quella di accelerare la trasformazione di Carrefour in Italia.

Una solida struttura finanziaria

Carrefour beneficia di un solido bilancio che è stato rafforzato dall’inizio del 2018. Ha un rating BBB + con outlook negativo per Standard & Poor’s e un Baa1 con outlook stabile per Moody’s.

Nel primo trimestre, il Gruppo ha effettuato con successo due emissioni obbligazionarie per un importo superiore a 900 milioni di euro, confermando la qualità della firma del gruppo Carrefour.

Inoltre, il gruppo ha utilizzato linee di credito, non utilizzate dai suoi partner bancari per 3,9 miliardi di euro, con scadenza nel 2022 e nel 2023.

Prospettive finanziarie

Nel terzo trimestre del 2018, il gruppo ha registrato un’accelerazione delle vendite, riflettendo un graduale miglioramento del proprio modello di business. Allo stesso tempo sono stati raggiunti nuovi traguardi nell’implementazione del piano Carrefour 2022, confermando la solida dinamica di trasformazione in atto all’interno del gruppo.

Questi elementi rafforzano la fiducia della direzione, nell’importanza del piano Carrefour 2022, che sostiene l’ambizione del gruppo: essere il leader nella transizione alimentare per tutti.

Nei prossimi trimestri, Carrefour continuerà a implementare il piano di trasformazione a un ritmo sostenuto, inclusi i nuovi progressi nella sua offerta omnichannel (in particolare Drive, Drive pedonali e completamento dell’implementazione di singoli siti di eCommerce) e l’accelerazione del rinnovamento della proposta commerciale in negozio e maggiore efficienza operativa (costi, investimenti e scorte).

Il gruppo conferma tutti i suoi obiettivi

  • Un piano di riduzione dei costi di 2 miliardi di euro su base annua entro il 2020
  • La cessione di asset immobiliari non strategici per 500 milioni di euro entro il 2020
  • Il raggiungimento di 5 miliardi di euro di vendite online entro il 2022
  • Il raggiungimento di 5 miliardi di euro nelle vendite di prodotti biologici entro il 2022
Precedente Il gruppo Casino cede a AG2 R La Mondiale 14 beni Monoprix in Francia Successivo Unicoop Tirreno, l’azienda riconsidera la decisione di cedere i punti vendita